Cheratocono

1

Che cosa è?

Il cheratocono è una malattia progressiva non infiammatoria della cornea, che si assottiglia e si deforma, assumendo una caratteristica forma a cono. Di profilo la superficie oculare diventa quindi più sporgente.

Quali sono le cause?

Le cause certe non sono note. Tuttavia, ci potrebbe essere una predisposizione genetica. Inoltre ci sono possibili legami con malattie generali dell’organismo (dette “sistemiche”). Infine possono essere considerati fattori di rischio piccoli traumi oculari ripetuti nel tempo e problemi al nervo trigemino (che s’innerva nella cornea).

Come si manifesta?

Nel cheratocono la cornea s’indebolisce e, quindi, inizia a cedere (nei casi più gravi si arriva alla perforazione). Lo strato oculare esterno e trasparente, che si trova in corrispondenza dell’iride, si assottiglia a causa di un processo degenerativo delle fibre collagene. Semplificando si può dire che la cornea in un punto perde la capacità di resistenza meccanica e, a causa della pressione interna dell’occhio, avviene lo sfiancamento.

Quali sono i sintomi?

Il cheratocono è caratterizzato da un astigmatismo irregolare (non si riesce a correggere con le lenti normali); il più delle volte è associato a miopia mentre raramente a ipermetropia. Pertanto, i sintomi iniziali sono legati a questi difetti refrattivi. Il cheratocono normalmente non dà dolore purché non avvenga un rapido sfiancamento della cornea e la sua perforazione. Spesso il cheratocono è associato a una congiuntivite allergica.

Come si diagnostica e qual è l’età d’insorgenza?

Il cheratocono si diagnostica con l’oftalmometria (misurazione della curvatura corneale). È bene ricordare che il cheratocono non è sinonimo di astigmatismo. Chi ha un astigmatismo elevato non è detto che abbia anche questa patologia. Lo strumento principale per la sua diagnosi e per la valutazione della gravità è la topografia corneale, con cui si misura il raggio della cornea punto per punto; a questo esame deve essere sempre associata la misurazione dello spessore corneale.

Quant’è diffuso?

L’incidenza stimata del cheratocono è tra le 50 e le 100 persone ogni 230.000; l’età a cui la malattia si presenta è molto varia, ma in genere esordisce clinicamente tra i venti e i trenta anni. La velocità di progressione del cheratocono è legata all’età d’insorgenza: se si presenta, precocemente, ha una progressione molto rapida. Tale progressione tende a rallentare dopo i 30 anni.
Quale terapia si può adottare?

Va eliminato o corretto al meglio il difetto visivo causato dal cheratocono: questo è inizialmente possibile con occhiali ma, col progredire della patologia, solo le lenti a contatto possono dare il risultato sperato. In questo caso la lente a contatto non ha solo uno scopo refrattivo, ma contiene meccanicamente la protrusione corneale, rendendo più regolare la sua forma. Fondamentali sono i controlli oculistici annuali. Nei casi più gravi si ricorre al trapianto di cornea.
Cos’è il cross-linking?

Il cross-linking è una metodica che ha come risultato finale quello di rendere la cornea più rigida ed evitare, quindi, lo sfiancamento. Questo avviene tramite la creazione di legami tra le fibre collagene stromali. Il trattamento è minimamente invasivo: si fa reagire una sostanza fotosensibile (la riboflavina) – che è somministrata in forma di collirio – con i raggi ultravioletti. Questo processo lega meglio tra loro le fibre collagene, rinforzando la superficie oculare.