Visita Dermatologica

La visita dermatologica ha lo scopo di accertare la presenza di una malattia della pelle e giungere a formulare una corretta diagnosi e un adeguato percorso terapeutico della patologia. La visita inizia con un attenta raccolta da parte dello specialista di tutte le informazioni inerenti la patologia lamentata, quali epoca di comparsa dei sintomi, evoluzione delle manifestazioni cliniche e della sintomatologia. Successivamente si passa un’accurata ispezione di tutte le parti del corpo interessate dalla patologia o potenzialmente collegate.

La Visita Dermatologica successiva normalmente segue una prima visita già effettuata con lo stesso specialista, allo scopo di controllare gli accertamenti richiesti in occasione della prima visita oppure valutare l’efficacia della terapia farmacologica precedentemente prescritta.

è una tecnica moderna di osservazione dei nei, la cui corretta dizione è Dermatoscopia ad Epiluminescenza. Tale esame viene effettuato con uno strumento chiamato dermatoscopio, che permette allo specialista di studiare in vivo le micro-strutture e l’architettura delle lesioni pigmentarie, invisibili ad occhio nudo. Tale esame è di grande importanza a scopo preventivo. Attraverso l’osservazione della cute mediante il dermatoscopio, il dermatologo può esaminare direttamente ed in modo non invasivo e indolore, le micro-strutture anatomiche che si trovano all’interno della pelle, valutando se una lesione pigmentata cutanea è di tipo melanocitico o non melanocitico e potendo discriminare, nell’ambito di quelle melanocitarie, quelle benigne da quelle maligne o sospette tali.