La Visita Fisiatrica è effettuata da un medico specializzato in Fisiatria.

Il fisiatra studia le patologie continua… che possono colpire la funzionalità dei vari apparati dell’organismo, soprattutto quello locomotore. Durante la visita il medico ricerca le cause dell’alterato equilibrio posturale, più frequentemente a carico della colonna vertebrale (discopatie, ernie discali, scoliosi, spondilolistesi) e degli arti superiori e inferiori e indica quale terapia fisica o di riabilitazione debba seguire un paziente. Tra le diverse affezioni che possono interessare l’apparato locomotore, rientrano nel campo della fisiatria l’artrosi che è una patologia non infiammatoria delle articolazioni, i reumatismi che invece sono patologie delle articolazioni di origine infiammatoria e vari problemi di origine neurologica. Con la visita fisiatrica lo specialista determina il protocollo specialistico riabilitativo, le modalità e la durata delle prestazioni di medicina fisica e riabilitativa. Il fisiatra è, per così dire, il responsabile del progetto riabilitativo, coordinandone gli interventi tecnici; sarà compito del personale a ciò specializzato, e cioè i fisioterapisti, applicare le procedure indicate dal fisiatra in sede di protocollo specialistico riabilitativo al fine di garantire al paziente il recupero.

Vengono valutati pazienti con patologie ortopediche suscettibili di riabilitazione per le quali è prevista la presa in carico per il trattamento o l’invio a centri esterni convenzionati.

La visita di controllo finale è prevista per la verifica degli obiettivi raggiunti ed eventuale programmazione di ulteriori controlli.

Vengono valutati pazienti affetti da patologie neurologiche o da esiti di lesioni cerebrali acute o croniche (disfunzioni motorie, afasia, disfagia). In tale sede viene considerata la necessità di presa in carico riabilitativa (fisioterapia, logopedia…) o la prescrizione di ausili.