Patologie dell’Aorta Toracica

Patologie dell’Aorta Toracica

INTERVENTO CHIRURGICO/ENDOVASCOLARE PER PATOLOGIA DELL’AORTA TORACICA

A livello dell’aorta toracica vi sono alcune malattie che possono mettere a repentaglio la vita del paziente.

Aneurisma dell’Aorta Toracica

L’aneurisma viene definito come una dilatazione dell’aorta toracica tale da avere un diametro uguale o superiore a 4 cm, ovvero pari a 2 volte il diametro normale. Tale dilatazione può essere favorita da debolezza e minor elasticità dovuta alla degenerazione della struttura della parete aortica.

1

Esistono diversi tipi di aneurismi in base a localizzazione, forma (fusiformi o sacculari) e dimensione (in base al diametro). Gli aneurismi toracici si possono verificare in presenza di varie condizioni fisiopatologiche favorenti: la sindrome di Marfan e la sindrome di Ehlers–Danlos; altre malattie del tessuto connettivo; l’aterosclerosi; diverse patologie infiammatorie o infettive; l’ipertensione arteriosa; il fumo; i traumi; l’aorta bicuspide; l’uso di cocaina.

Tutti gli aneurismi toracici, di qualunque eziologia e natura, tendano inevitabilmente alla rottura. La sopravvivenza a 5 anni di pazienti portatori di un aneurisma con diametro maggiore di 6 cm è inferiore al 10% e l’incidenza di rottura è del 43%, mentre in pazienti con aneurismi di diametro inferiore a 6 cm, la sopravvivenza è del 20% con una incidenza di rottura pari al 50%. Come si evince da questi dati, le dimensioni sono certamente il principale indice da considerare per quanto concerne la storia naturale di un aneurisma. Esistono tuttavia altri parametri che possono spiegare come mai, seppur in percentuali minori, anche aneurismi con diametri inferiori si rompano: lo spessore della parete e le apposizioni trombotiche endoluminali

Dissecazione dell’Aorta Toracica

2

La dissecazione è dovuta alla lacerazione dell’intima della parete aortica, con conseguente infiltrazione del sangue nella tonaca media. Il tessuto aortico può comunque lacerarsi anche se l’aorta non è precedentemente dilatata. Possiamo distinguere una dissezione di tipo A, che coinvolge l’aorta ascendente, più grave e che spesso necessita un trattamento chirurgico in emergenza; e una dissezione di tipo B che non coinvolge l’aorta ascendente ma solo il tratto discendente, forma che solitamente viene stabilizzata mediante trattamento medico e che solo se complicata può richiedere un intervento chirurgico. Le stesse condizioni che predispongono alla dilatazione aortica rappresentano fattori di rischio per la dissecazione dell’aorta toracica, sia per il tipo A che per il tipo B.

Trauma dell’Aorta Toracica

3

Una brusca decelerazione di una persona in movimento può determinare un gradiente di velocità a livello della giunzione dell’arco aortico e dell’aorta toracica discendente; è pertanto possibile la lesione dell’intima, in tal modo l’integrità della parete aortica è mantenuta solo dagli strati più esterni. Di solito è più frequente nelle cadute da edifici, alberi o altro oppure negli incidenti stradali gravi. In quest’ultimo caso il traumatismo dell’aorta toracica deve essere sempre escluso nella diagnostica, attraverso TC torace e/o ecografia transesofagea, e se presente il paziente dovrà essere sottoposto a intervento chirurgico in emergenza.

Trattamento chirurgico

Questo trattamento si effettua mediante una incisione chirurgica che inizia nel torace, al di sotto della scapola sinistra e prosegue lungo l’arcata costale e può estendersi in misura minore o maggiore nell’addome. Questo tipo di chirurgia aortica rappresenta uno degli interventi cardiovascolari più estesi.

Trattamento endovascolare

4

In alternativa alla terapia chirurgica può essere attuato un trattamento endovascolare. Tale procedura è gravata da minori complicanze immediate, ma non può essere eseguita in tutti i casi. Dipende infatti dall’estensione della patologia che coinvolge l’aorta toracica e dalle zone interessate. Il trattamento consiste nell’introduzione di una endoprotesi attraverso una preparazione chirurgica dell’arteria femorale o in alcuni casi dell’arteria iliaca. E’ richiesto quindi sempre un taglio chirurgico all’inguine o più esteso all’addome. Il trattamento comporta una notevole esposizione a radiazioni e l’uso di mezzo di contrasto che può essere dannoso per la funzionalità dei reni. La degenza in ospedale può essere ridotta ed il ritorno alle normali attività quotidiane più rapido. E’ inoltre necessario sottoporsi periodicamente a controlli dopo la procedura con TC o RMN perché possono verificarsi a distanza alcuni difetti nella protesi introdotta o la stessa si può mobilizzare rispetto alla originaria collocazione e non essere quindi più efficace nel controllo della malattia.